Disidratazione anziani: prevenirla con il corretto stile di vita

Disidratazione anziani
19 Giugno 2024

La disidratazione negli anziani è una condizione comune ma spesso trascurata. Con l’età, infatti, il corpo perde gradualmente la capacità di conservare i liquidi, e il senso della sete si attenua, rendendo le persone più fragili particolarmente vulnerabili. 

La disidratazione può in questo senso avere gravi conseguenze sulla salute, con rilevanze come problemi renali, infezioni del tratto urinario, e persino un aumento del rischio di cadute e fratture a causa di debolezza e vertigini.

Per questa ragione attraverso questo articolo intendiamo sensibilizzarvi circa i sintomi della disidratazione negli anziani, che spesso possono essere facilmente confusi con quelli di altre condizioni mediche, rendendo ancora più importante la loro identificazione tempestiva. Parleremo inoltre anche dei rimedi immediati che possono essere adottati per contrastare la disidratazione una volta che è stata riconosciuta; per giungere, infine, alle strategie preventive implementabili nella vita quotidiana per ridurre il rischio di spiacevoli conseguenze.

Capire e prevenire la disidratazione è essenziale per mantenere la salute e il benessere degli anziani. Attraverso l’adozione di un corretto stile di vita e il ricorso a semplici abitudini quotidiane, è possibile mantenere un buon livello di idratazione e migliorare la qualità della vita. Scopriamo insieme come affrontare questa importante sfida.

Quali sono le cause della disidratazione?

Prima di scoprire quali sono le cause della disidratazione, è bene capire nello specifico di cosa si tratti. La disidratazione è una condizione in cui il corpo perde più liquidi di quanti ne assume, portando a un insufficiente livello di acqua per svolgere le normali funzioni corporee. Negli anziani risulta essere particolarmente pericolosa, con il rischio di comportare gravi conseguenze sulla salute.

Di fatto si verifica quando l’introduzione di acqua, tramite liquidi e cibi, è inadeguata rispetto ai fabbisogni dell’organismo. Questa condizione può derivare da un apporto insufficiente di alimenti e bevande o da una perdita aumentata di liquidi, come accade in caso di diarrea, vomito o sudorazione eccessiva dovuta al caldo. Gli anziani sono tuttavia particolarmente vulnerabili alla disidratazione a causa di una serie di cambiamenti fisiologici che avvengono con l’avanzare dell’età, aumentando il rischio di conseguenze gravi per la salute.

Uno dei principali fattori è sicuramente la ridotta sensazione della sete. Con l’età, il senso della sete diminuisce, portando a bere meno di quanto necessario. I problemi di mobilità e cognitivi, come quelli causati dalla demenza, possono ulteriormente limitare l’assunzione di liquidi. Inoltre, alcuni farmaci, come i diuretici, aumentano la produzione di urina e contribuiscono alla disidratazione.

Condizioni di salute preesistenti, come il diabete, le infezioni o le malattie renali, e i cambiamenti fisiologici legati all’età, come la riduzione della capacità del corpo di conservare l’acqua e la funzionalità renale diminuita, rendono più difficile per gli anziani mantenere un adeguato equilibrio idrico. Infine, anche una dieta povera può influire sull’assunzione di liquidi, soprattutto se la persona non consuma cibi ricchi di acqua come frutta e verdura.

Sintomi disidratazione negli anziani: riconoscere il problema

Riconoscere tempestivamente i sintomi della disidratazione negli anziani è essenziale, ma può risultare complicato a causa delle malattie concomitanti che possono confondere il quadro clinico. Spesso, infatti, i sintomi della disidratazione vengono scambiati per altri malesseri o ignorati perché ritenuti parte di problematiche più ampie.

Il primo segnale di disidratazione è la xerostomia, ovvero la secchezza delle fauci. A mano a mano che la disidratazione aumenta, si possono poi manifestare ulteriori sintomi come la secchezza delle mucose, inclusi gli occhi, e una patina bianca sulla lingua. La mancata sudorazione, anche con temperature elevate, può essere un altro indicatore. La pelle può quindi diventare secca e meno elastica, e possono comparire crampi muscolari e dolori diffusi.

Ulteriori sintomi includono stanchezza e sonnolenza insolite, perdita dell’appetito e calo del peso corporeo, nausea e vomito, stipsi e difficoltà intestinali. Le urine scure, invece, indicano una bassa concentrazione di liquidi nell’organismo, e può verificarsi un aumento della temperatura corporea. Senza dimenticare altri segni comuni di disidratazione come le vertigini, la confusione, e la difficoltà a formulare frasi di senso compiuto.

Cosa fare per reidratarsi?

Quando ci si trova di fronte a un episodio di disidratazione, è essenziale agire con prontezza per ristabilire l’equilibrio dei liquidi nel corpo. Bere acqua regolarmente è il primo passo, preferibilmente a piccoli sorsi frequenti per agevolare l’assorbimento. In situazioni più gravi, come dopo prolungati episodi di diarrea o vomito, aggiungere sali minerali all’acqua può essere una scelta saggia per ripristinare l’equilibrio elettrolitico. 

Le soluzioni reidratanti, disponibili in farmacia, offrono una combinazione bilanciata di sali e zuccheri che facilita il recupero dei liquidi e degli elettroliti persi. Inoltre, è importante integrare nella dieta alimenti ricchi di acqua come frutta e verdura, evitando assolutamente bevande gassate o zuccherate che possono accentuare la disidratazione. Il tutto creando intorno a voi un ambiente fresco e confortevole.

Naturalmente, se la situazione dovesse diventare ricorrente, è bene consultare un professionista per valutare la necessità di interventi medici più specifici

Disidratazione anziani: come prevenirla

Mantenere una corretta idratazione non si limita solo al consumo di acqua, ma può essere arricchito da una varietà di bevande e alimenti che forniscono liquidi e nutrienti essenziali per il corpo. Optare per una vasta gamma di soluzioni idratanti può in questo senso rendere il processo più piacevole e sostenibile nel lungo termine, garantendo così un adeguato bilancio idrico per la salute generale.

Le tisane e il tè non zuccherato rappresentano per esempio scelte ideali per variare il gusto e aggiungere una nota di piacere al consumo di liquidi. Per un’alternativa più leggera, il tè deteinato rappresenta una buona opzione da considerare, permettendo di mantenere l’idratazione senza l’effetto stimolante della caffeina.

Inoltre, centrifugati di frutta e verdura o spremute possono essere gustosi modi per aggiungere liquidi e nutrienti alla dieta, se consumati con moderazione. Queste bevande offrono non solo idratazione, ma anche una varietà di vitamine, minerali e antiossidanti che possono contribuire al benessere generale.

È importante anche consumare le giuste quantità di frutta e verdura, che sono naturalmente ricche di acqua e costituiscono un’importante fonte di idratazione. Integrare questi alimenti nella dieta quotidiana può contribuire significativamente all’apporto idrico complessivo del corpo. Senza dimenticare di ridurre il consumo di bevande contenenti alcol e caffeina, poiché entrambi possono avere effetti diuretici che aumentano la perdita di liquidi attraverso l’urina.

Condividi ora!

19 Giu 2024

Sostituzione badante ferie: quali sono le alternative di qualità?

Quando giunge il momento della sostituzione badante per ferie, è naturale che sorgano in noi preoccupazioni su come gar

19 Giu 2024

Cena leggera per anziani per favorire la digestione

Quante volte vi siete domandati se davvero esista una cena leggera per anziani prescritta da uno specialista? L'alimenta

19 Giu 2024

Disidratazione anziani: prevenirla con il corretto stile di vita

La disidratazione negli anziani è una condizione comune ma spesso trascurata. Con l'età, infatti, il corpo perde gradu

19 Giu 2024

Mini appartamenti per anziani per l’estate: Peranziani.it e Vivere Over insieme per il benessere

L'estate è un periodo dell'anno in cui molti di noi cercano di rilassarsi e godere del bel tempo, ma per chi si prende

Posto letto vuoto? Iscriviti gratuitamente su Peranziani.it

Puoi inviare la tua richiesta per aggiungere la tua struttura sul nostro sito, compilando il form dedicato
Posto letto vuoto? Iscriviti gratuitamente su Peranziani.it
Cosa stai cercando?

Cosa stai cercando?

Puoi selezionare più di una voce

Cosa stai cercando? Residenze per anziani
Cosa stai cercando? Appartamenti per anziani
Cosa stai cercando? Casa di riposo e RSA
Cosa stai cercando? Casa albergo
Cosa stai cercando? Centro Alzheimer
Cosa stai cercando? Centro Diurno
Per chi stai cercando?

Per chi stai cercando?

Per un familiare o un conoscente
Per me stesso
Per un paziente
Dove stai cercando?

Dove stai cercando?

Quanto distante vuoi cercare?

Città
Provincia
Regione
Chi sei?

Siamo quasi pronti. Lasciaci solo i tuoi contatti

"*" indica i campi obbligatori

Nome*
Hidden