icona chiudi
Abbiamo a cuore il benessere delle persone che ami
Icona cerca

Di cosa hai bisogno?

Scopri tutti i servizi dedicati agli anziani più vinci a te.

La corretta alimentazione per gli anziani allettati

28 Novembre 2020

La corretta alimentazione per gli anziani allettati

Una corretta alimentazione è uno dei passi fondamentali per poter avere una migliore qualità della vita, sia per le persone che godono di ottima salute che per le malate. Anzi, forse soprattutto le persone con problematiche fisiche devono a maggior ragione curare il loro cibo, adattandolo alle necessità del proprio corpo.

Un compito ancor più complicato se ci riferiamo ai malati gravi, alle persone anziane allettate, che non hanno alcuna possibilità di movimento. Queste infatti rischiano diverse problematiche dovute appunto alla loro posizione, su tutte le piaghe da decubito. Per questo la principale cosa cui prestare attenzione è l’idratazione. Su tutto però bisogna ricorrere ad un’alimentazione dal basso impatto calorico.

Liquidi

Il consiglio degli esperti è di aumentare l’assimilazione di liquidi, insomma bere almeno un litro d’acqua al giorno. Non solo. Bisogna bere anche quando non si avverte il bisogno di farlo. Per aiutare meglio a gestire questa cosa il suggerimento è quello di cominciare fin dal mattino con un bicchiere d’acqua al risveglio. E poi aggiungerne altri 4 da dividere nell’arco della giornata (per un totale di 5 bicchieri).

Attenzione a sostituire l’acqua con altre bevande. Quelle gassate, ad esempio, sono molto ricche di zuccheri, pericolosissime per i diabetici e sconsigliabili per chi non potendo fare movimento non ha modo di smaltirli.

Attenzione anche a the e caffè per la caffeina che potrebbe avere effetti dannosi sulla pressione del sangue.

Il brodo, soprattutto di verdura e preferibilmente la sera, è un mix perfetto di liquidi e vitamine.

Frutta e Verdura

Sempre in tema di liquidi fondamentale diventa l’apporto di frutta e verdura. Ad ogni pasto infatti serve almeno una porzione. Poco importa se sia cotta o cruda. L’ideale sarebbe poi utilizzare la frutta come  spuntino fuori orario, a metà mattina o al pomeriggio. Non si tratta di sola assimilazione di liquidi. Frutta e verdura infatti garantiscono  il corretto apporto di sali minerali, vitamine ed antiossidanti. 

Prestare attenzione allo stato di salute della persona interessata. In caso di difficoltà a masticare preferire quella lessa se non addirittura una centrifuga.

Alimenti

Tra i consigliati dagli esperti ci sono i legumi ed i cereali. I legumi infatti sono una perfetta fonte di zinco mentre i cereali favoriscono la masticazione, aiutano a deglutire e sono molto utili per il transito intestinale e la digestione. 

Per questo, se ad esempio parliamo di pasta, meglio, molto meglio preferire quella integrale alla classica.

Importante anche variare, soprattutto per i secondi piatti. Oltre alla carne ed al pesce molto utile è il formaggio, da inserire due volte la settimana: ricotta, crescenza, mozzarella, insomma soprattutto formaggi morbidi che aiutano la masticazione mentre quelli stagionati, come Grana o Parmigiano sono perfetti da inserire come condimento, anche una volta al giorno.

Integratori

Sono in molti a fare ricorso per le persone allettate agli integratori: maltodestrine e proteine di origine per lo più vegetale possono essere un aiuto soprattutto nei casi di forte inappetenza. Mai però abusarne, anzi. Il consiglio è di affidarsi sempre al parere del medico prima di utilizzare questo tipo di prodotti

Diete anziani | Mangiare sano
Alimentazione

Redazione Autore

Articoli Correlati