Mal Di Schiena Anziani Cure

Anziani e mal di schiena: come combatterlo

Il mal di schiena è una delle problematiche fisiche più frequenti e condizionanti negli anziani. Colpa, fondamentalmente, della scarsa mobilità e della poca attenzione ad alcuni piccoli dettagli.

Mal di schiena: cosa fare

"La prima cosa da fare - spiega Matteo Arbizzoni, massofiosioterapista ed osteopata Synlab - è ovviamente agire sul dolore e l'infiammazione attraverso terapia farmacologica. Il dolore che ci blocca è infatti dovuto per lo più ad un "picco" dell'artrosi che senza farmaco potrebbe durare anche per giorni. E questo è un gatto che si morde la coda dato che la principale causa del mal di schiena è proprio la scarsa mobilità che si aggrava negli anziani. Una volta eliminato il dolore si può cominciare un lavoro se non di prevenzione quanto meno di miglioramento a livello muscolare ed articolare per evitare altri picchi".

Quindi si consiglia l'utilizzo di cerotti a rilascio prolungato ma anche semplicemente del caldo. Evitare invece il ghiaccio che avrebbe solo un effetto anestetico momentaneo; il freddo è consigliabile per problematiche articolari (ginocchia e gomiti).

Gli esercizi contro il mal di schiena

"Sembrerà strano - continua Arbizzoni - ma l'esercizio più semplice ma allo stesso tempo utile è una camminata. Bastano 15, 20 minuti per riscaldare la muscolatura e rinforzarla. Meglio se si riesce a ripetere l'operazione più volte al giorno. Poi ci sono mille esercizi che si possono fare, ad esempio mettersi seduti su di una sedia e poi ruotare il tronco a destra ed a sinistra. Attenzione però a non esagerare con la violenza del movimento. Bisogna ruotare il busto senza forzare troppo dato che lo scopo è solo migliorare l'elasticità della muscolatura, non la sua forza".

Quindi contro il mal di schiena la parola magica è movimento, magari ad intensità blanda ma il più possibile frequente e continuo.

Mal di schiena: gli errori da evitare

Per combattere il mal di schiena bisogna correggere e fare attenzione a mille piccole abitudini quotidiane che però posso essere davvero pericolose. 

"Il momento più a rischio della giornata - afferma Matteo Arbizzoni - è proprio la mattina. Al risveglio infatti la nostra muscolatura arriva da ore a riposo quindi è in una fase di quasi atrofizzazione. Provare a scendere dal letto in maniera brusca può provocare e scatenare un picco di artrosi. Allora potrebbe essere buona cosa, appena svegli, ma sempre stando a letto, fare dei piccoli movimenti di riscaldamento e riattivazione. Poi, soprattutto per gli anziani, evitare i carichi. Non c'è nulla di più dannoso ad esempio che caricarsi di pesanti borse della spesa".