icona chiudi
Abbiamo a cuore il benessere delle persone che ami
Icona cerca

Di cosa hai bisogno?

Scopri tutti i servizi dedicati agli anziani più vinci a te.

Chi meglio di chi vive da noi per parlare della vita nella residenza Domitys?

2 Dicembre 2020

Chi meglio di chi vive da noi per parlare della vita nella residenza Domitys?

Una vita sociale attiva, una Terza Età nuova, vissuta come periodo di opportunità. Gli anziani oggi non sono più quelli di una volta. Hanno sogni, desideri, hanno tempo e la salute per “fare”. Tutto nuovo, tutto diverso da quello che accadeva anni fa. E per una vita diversa servono spazi diversi.

Da qui nasce il concetto Domitys, una idea di spazio diversa; un quartiere residenziale con tutte le comodità a portata di mano. Quindi non solo appartamenti (di varie misure) ma anche e soprattutto servizi: bar, ristorante, palestra, piscina, estetista, parrucchiera e personale a tua completa disposizione. Servizi on demand in totale sicurezza.

Il primo progetto Domitys è nato a Bergamo da dove arrivano le parole anzi, la soddisfazione, di chi ha scelto Domitys:

«Innanzitutto sono stata molto contenta di aver fatto questa scelta prima del diffondersi della pandemia. Se fossi rimasta isolata nella mia casa sarebbe stato molto complicato gestire le mie piccole esigenze quotidiane, inoltre so che c’è una reception che filtra le entrate, se qualcuno mi viene a trovare vengo avvisata, so che se mi serve qualcosa in qualsiasi momento posso chiamare e in pochi minuti il personale arriva».

Una vita più serena, soprattutto oggi, nel pieno della pandemia con tutti i problemi personali, sanitari e logistici che questa comporta. È la nuova vita di Lucia, la prima persona che si è trasferita nella residenza Domitys di Quarto Verde, a Bergamo, e che ha voluto condividere con gli altri la bontà della sua scelta.

Perché ha scelto di trasferirsi nella residenza Domitys?

«Per avvicinarmi ai miei figli che vivono a Bergamo. Nella mia città pur avendo una vita attiva e piena non potevo avere il loro supporto e la loro presenza. Non ho mai accettato di vivere in casa con loro, voglio mantenere la mia autonomia, ma sarebbe stato molto difficile per me lasciare la mia casa per trasferirmi in un qualunque appartamento in città. Il Quarto Verde mi ha convinto subito, per questo lasciare la mia casa è stato molto più semplice. Qui ho il mio appartamento, mi sento indipendente, ma so che ci sono persone carine e sempre disponibili. Offre svariati servizi, ti fa sentire protetta. La residenza è elegante e il personale lo senti come una famiglia».

Come descriverebbe la sua esperienza nella struttura prima del lockdown?

«Molto piacevole, ho usato la piscina tre volte a settimana, ho passeggiato nel parco della struttura, ho giocato a carte nella biblioteca. Mio figlio, che è molto impegnato, pranzava spesso con me al ristorante durante la sua pausa pranzo e qualche weekend ho ospitato mia figlia che vive a Roma, o i miei nipoti. A Carnevale ho trascorso una bella giornata durante la festa alla quale hanno partecipato anche persone esterne. Abbiamo festeggiato il mio compleanno con una bella festa al ristorante ed inoltre la direttrice e tutto lo staff sono stati davvero molto carini e mi hanno preparato una torta. È stata proprio una bella giornata!»

Una soddisfazione per la scelta condivisa anche dalla figlia della sig.ra Lucia, Antonia.

«Beh devo dire che è tutto ben pensato, a misura di senior: gli appartamenti sono confortevoli, privi di barriere architettoniche, predisposti per ulteriori esigenze che si potrebbero presentare ad un anziano. Le chiavi sono sostituite da badge, le docce sono molto grandi, c’ è un comodo terrazzo privato, un ripostiglio/lavanderia, ecc. Gli spazi comuni sono eleganti, si prestano alla socializzazione sia con gli altri residenti sia con i parenti o amici. La posizione è un altro punto di forza perché si trova in un quartiere nuovo e moderno in centro. Spesso con mia madre facciamo una passeggiata fino in via XX Settembre, cuore della città bassa».

Consiglierebbe Quarto Verde ad altri?

«Assolutamente si. Da quando mia madre vive lì siamo molto più sereni e liberi anche noi figli. È più semplice gestire il tempo con lei, mangiando insieme al ristorante oppure prendendo un caffè al bar, ma anche quando non siamo con lei sappiamo che è in compagnia o comunque seguita».

Pensa che il Quarto Verde sia un luogo più sicuro in cui vivere, soprattutto in questo particolare momento?

«Si, se mia madre fosse rimasta a casa sua sarebbe stato veramente preoccupante e problematico aiutarla a rimanere protetta e sicura. Sono molto contenta che si sia trasferita prima».

Insomma il progetto Domitys, innovativo per l’Italia, convince già chi ha deciso di recarsi in un nuovo spazio, una modalità diversa e più a misura per godersi appieno la nuova giovinezza della terza Età.

Domitys Quarto Verde | Terza età
Assistenza

Redazione Autore

Articoli Correlati

Assistenza
21 Luglio 2020

Korian apre Residenza Valtellina. A Sondrio nasce un nuovo modo di vivere la Terza Età

Leggi di più
Assistenza
11 Marzo 2020

Ugo dalla parte degli anziani in questa emergenza Coronavirus, gratuitamente

Leggi di più